Il mare sopra il cielo.
Il mare in cima ai sogni.
Ieri sera, a presentare l’ultimo libro di Ferdinando Scavran.
Una storia che mi ha riportato all’infanzia: ore a perdermi nei racconti dei nonni sulla guerra, la paura delle bombe, l’angoscia delle sirene che annunciavano le corse precipitose nei rifugi.
E l’affannosa ricerca di cibo.
Quando la minestra l’hai sempre pronta nel piatto, ricorda il protagonista del romanzo, spesso la mandi giù senza quasi accorgertene.
A volte addirittura la rifiuti.
Ma quando manca dalla tavola da qualche giorno, allora il suo profumo lo senti ovunque, in ogni momento della tua giornata.
E non per fame, ma per nostalgia

Luigi D'Alise

Giornalista professionista: scrivo, parlo, formo e informo per l’Ago Press. Slownauta apprendista: scatto, filmo, viaggio e assaggio per Slow Sud.

Iscriviti alla nostra newsletter


Non ti invieremo spam e non comunicheremo i tuoi dati a terzi